venerdì 18 gennaio 2008

Sushi!

sushi
Questa ricetta mi è stata chiesta da un' amica: MIRTILLA ,che cura un blog di cucina in maniera sublime e con una passione straordinaria. Normale direte voi, per uno chef!!!! Ma la cosa bella è che potrebbe veramente diventarlo se continuasse così, ma adesso si occupa di telecomunicazioni.Ciao Mirtilla questa è per te con tutta la stima che ho nei tuoi confronti.!
Puoi trovare il tutto in un bazar di generi alimentari etnici, situato in via Ricasoli parte bassa.

Ingredienti per 24 rotoli :

250 gr di riso per sushi Oppure arborio.

325 ml di acqua

1/2 bicchiere di aceto bianco con un cucchiaio di zucchero e 2 cucchiaini di sale

6 fogli di alga Nori

1 avocado

1 cetriolo

12 filetti di tonno di 1 cm di spessore ,oppure gambero,etc..

un pò di maionese ,facoltativo wasabi.



Procedimento:

Mettere l'acqua in una pentola a bollire insieme al riso , precedentemente lavato sotto acqua corrente per almeno 10 minuti, fino a quando l'acqua del riso risulti bianca perchè ha perso tutto l'amido.Una volta che arriva ad ebollizione , chiudere la pentola con coperchio e abbassare la fiamma al minimo.Non appena si sarà assorbita tutta l'acqua, trasferire il riso in una ciotola di legno e sempre con un cucchiaio di plastica oppure di legno, aggiungerci l'aceto. Avendo cura di mischiarlo con l'accortezza di non rompere i chicchi.
Lasciare raffreddare.
Una volta raffreddato stendiamo sulla stuoina di bambù una foglia di alga Nori. Iniziamo a metterci su il riso stendendolo bene e lasciando un centimetro per bordo. vedi foto:

sushi233

Fatto ciò: stendere una piccola quantità di wasabi e maionese sulla parte più vicina a noi.
Disponiamo i filetti di tonno, striscioline di avocado e di cetriolo accanto al tonno. Iniziamo ad arrotolare il tutto:
Per arrotolare il sushi nello stuoino bisogna cominciare dalla parte a noi più vicina, ossia dove si trovano gli ingredienti,avendo cura di ripiegare all'interno l'alga. Importante è esercitare una certa pressione ad ogni rullata, su tutto lo stuoino. Vedi foto .
sushi233-1


Anche se dovesse fuoriuscire una parte di condimento non c'è da preoccuparsi, si può sempre reinserire, mentre se le estremità vengono sfrangiate si taglia e si mettono via.Adesso dobbiamo affettarlo con un coltello molto affilato e con la lama bagnata ,questo è molto importante altrimenti rischiamo di appiattire i rotoli ad ogni taglio .
Ottimo se servito con un goccia di salsa di soia.

15 commenti:

giu&cat ha detto...

Ciao Andrea, stavo cercando anch'io una ricetta per il sushi! Grazie! Cat

andrea matranga ha detto...

Ciao giu&cat, ditemi come è andata.

aracoco ha detto...

IO mai fatto il sushi...
Ciao Andrea...come al solito devo tirarti le orecchie, ah,ah,ah!
Buona giornata

andrea matranga ha detto...

Ciao aracoco, perchè devi tirarmi le orecchie.

aracoco ha detto...

Non vieni mai a trovarmi...ho capito non ti piacciono le cose che posto, dovrò seguire un corso...SCHERZO ANDREA, spero tu lo abbia capito!

andrea matranga ha detto...

Si Si Aracoco, ma come si dice scherzando,scherzando..... Cmq. hai ragione è che ho sempre poco tempo, il tuo blog è bellissimo.

aracoco ha detto...

ti sei salvato in corner...
quando vuoi mi fa tanto piacere riceve le tue visite, non preoccuparti senza alcun impegno, io continuerò sempre a sbirciare il tuo blog.
http://dolcienonsolo.myblog.it/

Cannelle ha detto...

Sushi,cous cous....mhmm...saranno mica cibi afrodisiaci?

andrea matranga ha detto...

Ciao cannelle, personalmente mi fa questo effetto.

andrea matranga ha detto...

Ciao aracoco ,sei sempre grande.

andrea matranga ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Mirtilla ha detto...

GRAZIE MILLE!!
Sei stato davvero di parola!!
venerdi sera organizzo serata sushi,grazie mille per le dritte!
poi ti faccio sapere come e'andata
;D Mirtilla

andrea matranga ha detto...

Ciao mirtilla, un vero piacere.

kris ha detto...

HO sempre sentito ma non sapevo di cosa si trattava...sembra buono :-)

andrea matranga ha detto...

ciao kris, lo è,lo è.

©opyright 2007, tutti i diritti di questo blog sono riservati, a cura di Andrea Matranga