mercoledì 12 gennaio 2011

Uovo pochèe con tartufo bianco su spuma di patata blu

Piatto che abbiamo pensato e poi creato con Cristian  Bertol durante l'evento "Stelle Natalizie" si tratta di una preparazione seppur di semplice fattura molto interessante abbiamo fatto degli abbinamenti molto classici e tradizionali ma abbiamo cercato di giocare sulla cromaticità del piatto e sopratutto abbiamo usato questa patata blu che appunto oltre ad un colore inusuale per un patata essa è dotata di una mineralità molto  interessante,per cui da questa idea è nato il piatto in questione! La spuma di Patata blu non è stata creata con l'aggiunta di un colorante si trova in Natura ,non si tratta Neppure di  una patata modificata geneticamente... L'idea di coltivare Patate  che avessero un colore diverse dal classico  Marrone,  è nata circa 12 anni fa. Da un certo Chiristoph Gamperli , egli ha cominciato con incrociare  patate  chiare con quelle "Idaho blue". Soltanto  dopo innumerevoli tentativi è riuscito a metter appunto questa  Questo prodotto  alimentare è oltretutto resistente alle malattie  le patate "Blue St.Galler " con tanto di Marchio vengono prodotte da una Multinazionale Svizzera denominate  "Blue Chips"

P.s. questo piatto  è stato modificato in un secondo momento ( purtroppo non ho la foto) nella notte del 28 Dicembre dopo un consulto tra me e Cristian....ci siamo accorti che mancava la parte croccante..cosi   abbiamo deciso di rendere croccante l'uovo pochèe con una panatura di frutta secca.....strabiliante!


Uovo pochèe con tartufo bianco su spuma di patata blu

Questo è l'inizio del post. E questo è il resto.

8 commenti:

l'albero della carambola ha detto...

Ciao Andrea,
attratta da dall'uovo e dal tartufo...son arrivata dritta dritta al tuo post! Che meraviglia...e chissà che bontà con la variante "croccante"! Ma come si fa a impanare l'uovo pochée?
Un saluto caro e complimenti!
simo

valentina cuvato ha detto...

Ciao Andrea, buon anno! Molto origimale questo piatto, con ingredienti semplici, ma consistenze che stanno bene insieme! non conoscevo la patata blu! dalla foto sembra viola! complimenti ! ciao a presto...

Fabiana ha detto...

Il tuo piatto è tanto interessante quanto suggestivo!
Non conosco le patate delle quali ci racconti(...evviva ho imparato anche oggi oggi una cosa nuova!!) però conosco le patate viola che acquisto spesso al mercato orientale e cucino altrettanto spesso per lo stupore dei nostri clienti(....a volte ci si accontenta di poco eh!!).
E' bello rileggerti.....era ora!!!

Un abbraccio,
Fabiana

andrea matranga ha detto...

ciao Albero della carambola...ci vuole mola manualità!


Ciao Valentina grazie e buon anno anche a te...si in effetti dopo la lavorazione tende al viola grazie a presto!


Ciao fabiana Grazie ..io pubblico sempre...sei stata latente confessa..ah,ah...cmq grazie
alla faccia del "ci si accontenta di poco" un piatto direi ricco moooolto ricco

Fabiana ha detto...

Cavoli hai ragione, ho sfogliato al contrario tante delle tue pagine....evidentemente dormivo, oppure lavoravo và!
In effetti il tuo piatto è ricchissimo, il "poco" era riferito al nostro purè di patate viola che sorprende a prescindere dall'assaggio ........anche "solo" per il colore!! Bacissimi!!!!
Fabi

andrea matranga ha detto...

@Fabiana: kisssssssssss :))

Shamira Gatta ha detto...

Bellissimo e sicuramente buonissimo!!!
Peccato che io non riesco a trovarle ste benedette patate blu....

zagara ha detto...

ops...ma come io ste patate blu non le conoscevo mi ci vuole una bacchettata o una svegliata....accipicchia.
Meno male che ci sei tu...

©opyright 2007, tutti i diritti di questo blog sono riservati, a cura di Andrea Matranga