mercoledì 21 novembre 2007

Cannolo siciliano




Cannolo siciliano



Ingredienti: per 6 persone

Per la cialda:
250 gr di farina "00"
25 gr.di zuccher0
25 gr. di strutto/ burro
1 dl di marsala
un cucchiaino di cacao in polvere
un pizzico di cannella
Procedimento:
Mescolare la farina con lo zucchero,la cannella,il cacao; sciogliere il burro a bagno maria (se usate lo strutto non scioglietelo),unirlo agli altri ingredienti e amalgamare, infine aggiungere lentamente il marsala.fare riposare la pasta ben coperta 30 minuti.Prendere un mattarello eTirare la pasta ben sottile ricavando degli ovali di circa 12cm,avvolgerli nei cilindretti metallici(Io ho dato una forma più da cornucopia).Friggere nello strutto,fino a che avranno assunto un colore dorato.raffredare ed infine toglierli dai cilindretti con delicatezza.

La Farcia:
500 gr ricotta di pecora (rigorosamente)
150 gr di zuccher a velo.
40 gr gocce cioccolato
Procedimento:
impastare la ricotta con lo zucchero,passare al setaccio ho (passa verdure con foro piccolo)ed infine aggiungere le gocce di cioccolato.
farcire il cannolo e poi decorarlo con scorza di arancia e ciliegine candite


40 commenti:

MariCri ha detto...

letta e stampata... ancora un po' addentavo il monitor del pc! al più presto ti dirò con quali risultati mi sono cimentata nell'impresa. sai che il mio dessert preferito è una coppetta di ricotta di pecora impastata con il miele? Grazie per i consigli che mi hai dato, ne farò tesoro, in previsione della bella stagione! Mannaggia, mi hai fatto venire un travaso di bile quando ho letto che ogni mattina fai colazione a Mondello: io ho ancora sulle papiplle il gusto degli spaghetti con i ricci che ho mangiato da Calogero...

De kokende mamma ha detto...

Mariiiaaa, che buono il cannolo. Ma non sapevo si friggesse, io speravo fosse al forno. Cè un mio amico olandese qui ad Amsterdam che è bravissimo a farli, devo farmi prestare da lui i cilindri.

Lory ha detto...

Miiiii Andrea, quanti ne ho mangiati quando ero giù ;-)
Complimenti davvero!
Lory

CoCò ha detto...

Andrea è da tanto che penso di farli e poi rinvio ma ora mi stampo la tua ricetta e provo, complimenti per la presentazione del piatto

Daniele ha detto...

wow... qui si fa' sul serio allora :P

Questa estate in Sicilia me ne sono mangiati un po' :P

Ciaooo

andrea matranga ha detto...

Ciao Maricri. Ti prometto che il prossimo caffè a mondello (domattina) ti penso .

andrea matranga ha detto...

Cia Barbara . E vai! Cannoli made in orange....

andrea matranga ha detto...

Ciao lory. Allora non ti resta che tornare.Ti aspettiamo!

andrea matranga ha detto...

Ciao Cocò. fatti sotto! e dimmi come ti è andata!

andrea matranga ha detto...

Cia Dani. Non stiamo a pettinar le bambole ...capisti!!!
Ciao bello. Sentirti è sempre un piacere

MariCri ha detto...

qui piove, per domani danno anche nebbia e possibile acqua alta...più che altro salutami il mare di Mondello, mentre io mi sto per trasformare in una rana di laguna!

Claire ha detto...

Magnificoooo!!
Grande Andrea!
Ma che gentile coi tuoi complimenti! Certo che mi puoi aggiungere fra i tuoi blog preferiti! ;) è un immenso piacere! E faro' lo stesso sul mio blog! Mi piace tanto il tuo blog e il tuo modo di trasmettere l'amore della cucina!
A prestissimo!

andrea matranga ha detto...

Ciao Maricri.Non per infierire ma qui pota bel tempo e sole ....modello te la saluto sicuramente! ma credimi dalla foto che vedo neanche se metto in moto tutta la mia immaginazione (ne ho tanta) riesco ad immaginarti ranocchia ....credo dalla laguna non sicuro passino i fenicotteri rosa. questo è un accostamento più appropriato per la tua immagine ..

andrea matranga ha detto...

Ciao Claire. lo faccio subito..
Ciao!

ARACOCO ha detto...

Andrea questi cannoli sono eccezionali!Visto che anch'io mi approssimo alla produzione casalinga del pandoro e panettone, mi sveli qualche segreto?se guardi sul mio blog, ci sono le produzioni dello scorso anno, aspetto qualche tua critica!
Complimenti per il blog.
Ti va lo scambio del link?

andrea matranga ha detto...

Certo con molto piacere.Ciao

Anonimo ha detto...

cinisello balsamo terra di siciliani.
abbiamo in città una pasticceria siciliana che sforna specialità FAVOLOSE oggi mi sono sparato cannoli stupendi ma certamente i tuoi sono superlativi
ciao aldo ricordando sempre magliano

andrea matranga ha detto...

Ciao Aldo grazie e ricordo sempre magliano pure io. sei un Grande

Excalibur ha detto...

Questo cannolo è spettacolare! Non vedo l'ora di addentarne qualcuno questo Natale in Sicilia!
http://essenzaindivisibile.wordpress.com

andrea matranga ha detto...

ciao exalibur dimmi dove sei se sei nel palermitano ti invito io ad assagiare uno dei miei.

Raggio di sole ha detto...

Grazie di essere passato da me . Complimentissimi per il tuo blog ,la cucina mi piace molto e non posso non inserirti tra i miei link preferiti , cosi' potrò leggerti con calma , come meriti.
Tanti auguri di Buon Natale anche a te.
Grazie di tutto

andrea matranga ha detto...

Ciao Raggio di sole ,Grazie è per me un onore ,Buon Natale

unika ha detto...

mamma mia...mi hai lasciato davanti al monitor a bocca aperta...spettacolari questi cannoli:-)
Annamaria

andrea matranga ha detto...

ciao unika , grazie spero tu possa assaggiarli presto.

Ely ha detto...

Cavolo ma con una foto così sono già buoni di suo, poi devono essere buoni per davvero e a quest'ora....
il cilindretto per care il cannolo ce l'ho magari teli copio posso????
buoniiiiiiiii
buona serata Ely

andrea matranga ha detto...

Ciao ely, certo devi assolutamente. grazie.

Anonimo ha detto...

Nooooo!!! Ma questo è un attentato a tutti i sensi! Mamma mia "ma che boni che i devi esser". Traduzionen: gnam, slurp! Ciao Andrea e grazie del p.s. Nirvana

andrea matranga ha detto...

Ciao Nirvana, un vero piacere amo troppo quello che faccio, la mia maiol è : info@andreamatranga.it scrivimi pure quando vuoi. ciao

Baol ha detto...

Io sono un fan dei cibi salati....ma i cannoli siciliani mi fanno impazzire, adoro la farcia!
Questi poi devono essere fantastici! Complimenti Andrea!!!

andrea matranga ha detto...

Ciao baol, grazie sei molto gentile.

Alessandro V ha detto...

Sono assolutamente d'accordo: la ricotta solo ed esclusivamente di pecora...sempre e ovunque. Qui a Catania non usiamo però mettere i canditi e secondo me facciamo bene. Io AMO la ricotta e, nei cannoli o nella cassata, mi piace mangiarla semplice per poter assaporare meglio il gusto e la freschezza. Poi se potete andate dal pecoraio a comprarla fresca o fatevela a casa. Quella che trovate al supermercato spesso non sa di nulla. Io mangerei cannoli alla ricotta sempre, mattino pomeriggio e sera e la ricotta poi....non ne compro mai meno di 500gr. La mangio in qualunque modo: con il pomodoro, nella pizza, con la nutella, con la cannella.....Si vede che sono cresciuto mangiando ricotta?
Ciao a tutti.

andrea matranga ha detto...

ciao alessandro,ha,ha, alla faccia della linea,

Anonimo ha detto...

scusami andrea, ma qui a napoli arrivano cannoli siciliani che contengono una ripieno di cioccolato che ricopre la parte interna del guscio: la tua ricetta non la prevede, per cui chiedo quale dei due è quello tradizionale, e ad ogni modo come si realizza? Grazie da Salvatore Kosta

andrea matranga ha detto...

ciao Salvatore.hai detto bene ARRIVANO. il cioccolato viene spalmato al suo interno con un pennello si tratta di scarsa qualità di cioccolato di copertura. Questo lo si fa per quelli da esportare perchè il cioccolato serve ad evitare che l'umidità della ricotta ammorbidisca la scorza del cannolo. che dopo essere riempito lo si congela lasciandolo scongelare a temperatura ambiente. Per cui se un cannolo tradizionale in una pasticceria Siciliana non dura più di due giorni questi stanno anche dopo scongelati 4 /5 giorni.

Anonimo ha detto...

scusami se ti scrivo ancora per icannoli, ma la mia figliola ne va matta e vorrei preparli per il suo onomastico. prima di visitare il tuo blog e acquistare il tuo libro ho sempre fatto la ricetta del grande Adriano che la propone con l'aggiunta di uova (1+1 tuorlo), proposta allo stesso modo anche da Santini (Gambero rosso).Vengono bene, pieni di bolle (la sfoglia per everli bollosi deve essere molto sottile). Al momento della farcitura,però, ripeto sapore e croccantezza ottimi, mi si rompono facilmente tra le mani. Ora noto che la tua ricetta (sicuramente classica siciliana) non prevede l'aggiunta di uova. Domande:
1) Perchè si rompono facilmente?
2)Perchè nelle ricette di cui sopra è previsto l'utilizzo di uova?
Grazie della risposta che vorrai darmi e ti saluto cordialmente
Salvatore Kosta

andrea matranga ha detto...

ciao Salvatore,bhe io non ho inventato nulla.Le uova non si mettono assolutamente la ricetta originale è questa. c'è chi mette della polvere di caffè in sostituzione al cacao ma nulla più. se però il risultato che hai è soddisfacente prova a lasciare la sfoglia un pochino (non troppo) più spessa....fai tentativi, se eventualmente ti và di provare la mia ricetta poi mi dici. Sappi che comunque è una scorza Fragile non puoi trovarla resistente più di tanto. più di così non saprei aiutarti,dovrei essere la conte per capire esattamente qual'è il problema. Ciao in bocca al lupo

Anonimo ha detto...

Bé, io ti rispondo per dirti grazie per la celerità della risposta. Se dovessi venire in sicilia per lavoro o in vacanza sappi che verrò a trovarti.
Saluto da Salvatore

andrea matranga ha detto...

ciao Salvatore, sarà per me un vero piacere conoscerti.spero che la risposta oltre che celere sia stata esaustiva.

Esther Sánchez ha detto...

Mi piace tantisimooo!!

andrea matranga ha detto...

Ciao esther, grazie se magari ti trovassi qualche volta in Sicilia dimmelo che ti faccio fare un bel percorso gastronomico ,sono sicuro che te ne innamorerai.- La mia terra è ricca di culture passate anche Spagnole, per cui in ogni provincia trovi piatti meravigliosi.

©opyright 2007, tutti i diritti di questo blog sono riservati, a cura di Andrea Matranga