giovedì 29 gennaio 2009

Paccheri con ricotta profumata ai crostacei in mousse di carciofi


paccheri con ricotta profumata ai  crostacei in mousse di carciofi





Vi posto questa ricetta per informarvi che mancherò qualche giorno per motivi di lavoro, sto organizzando la partenza in più mi è arrivato l'invito, molto gradito, di Paolo Marchi per "Identità Golose" a Milano. Per i non addetti ai lavori è il più grande congresso gastronomico che abbiamo in Italia, giunto alla sua quinta edizione, grazie al suo Patron e ideatore Paolo Marchi che è riuscito ad avvalersi della maestria dei più grandi chef del mondo.

Questa ricetta rispecchia la mia attitudine di abbinare sapori di mare con quelli di terra, senza eccedere nelle cotture e preparazioni ma rispettando un pò la cottura tradizionale dei cibi.



Ingredienti per 4 persone:

12 paccheri

700gr di ricotta di pecora

fumetto di crostacei q.b.(arrostite le scorze dei crostacei con cipolla e aglio sfumate con vino bianco e cuocete per almeno 2 ore aggiungendo di tanto in tanto acqua passate al passa verdure e stringete.)

6 carciofi (Io ho usato quelli Catanesi sono con le foglie rossastre li consiglio perchè costano meno è sono dolcissimi.)

1 spicchio d'aglio

olio extra vergine, vino bianco,sale e pepe q.b.


Procedimento:


Pulite i carciofi e metteteli in acqua e limone per evitare che si ossidino diventando di quel colore scuro brutto a vedersi. Scaldate in un tegame l'olio con l'aglio in camicia ( con la pellicina), dopo circa 2 minuti adagiateci su i carciofi e fate andare a fuoco alto. Appena i carciofi si saranno leggermente imbruniti sfumate con il vino, quando sarà evaporato l'alcol aggiustate di sale e pepe e fate finire la cottura. Frullate, otterrete una crema tipo mousse. Impastare, con l'ausilio di una frusta, la ricotta con il fumetto di crostacei, fino ad ottenere un composto cremoso non troppo liquido( eventualmente aiutatevi con del formaggio da tavola grattugiato).Aggiustate di sale e pepe e farcite ogni singolo pacchero precedentemente cotto in acqua salata. Disponete sul piatto e decoratea vostro piacimento .







P.s.Vi è un altra versione cioè quella di gratinare in forno spolverando precedentemente con abbondante formaggio grattugiato

16 commenti:

Mirtilla ha detto...

meravigliosi andrea...si commentano davverp da soli!!!

manu ha detto...

mamma che opera d'arte!!! sei un mito!!!

Baol ha detto...

Come al solito faccio l'errore di venire qui o all'ora di pranzo o all'ora di cena...e comunque anche se venissi sazio farebbe lo stesso effetto...sei un mito ;)

unika ha detto...

che meraviglia...mi sto facendo gli occhi:-)
Annamaria

Le Vinagre ha detto...

è una ricetta splendida a vedersi e sicuramente ancora meglio da mangiarsi...
complimenti!!

andrea matranga ha detto...

ciao mirtilla,grazie

ciao manu, grazie sei un tesoro

ciao baol, da tanto che non ci si sente. è un piacere averti da me.

ciao annamaria, addirittura???grazie

ciao le vinagre,grazie confermo la ua tesi.

Cannelle ha detto...

I tuoi piatti sono dei veri capolavori !!!
Un bacio
Cannelle

andrea matranga ha detto...

ciao cannelle, grazie io sto bacio e lo prendo tutto mica sono fesso..ogni lasciata e persa ricambio sentitamente

Elena ha detto...

Buon viaggio Andrea, non potevi postare ricetta migliore, visto che ti assenterai qualche giorno.
Un abbraccio e buon ritorno!

GianMaria Le Mura ha detto...

Mo pure la pagina in Cinese. Ciao Andrea

Daniela ha detto...

Buon viaggio e al tuo arrivo propinaci altre entusiasmanti ricette...
baci

andrea matranga ha detto...

ciao elena grazie di cuore .


Ciao Gian Maria, Giapponese no cinese.

Ciao Daniela, si è stata una esperienza fantastica.

sciopina ha detto...

Semplicemente fantastici!La foto rende perfettamente l'idea di quanto possano essere buoni..
a presto e buon viaggio
sciopina

andrea matranga ha detto...

ciao sciopina, grazie sono tornato è andata molto bene.

Rorò ha detto...

Sei bravissimissimo......

andrea matranga ha detto...

ciao rorò. grazie

©opyright 2007, tutti i diritti di questo blog sono riservati, a cura di Andrea Matranga